TRATTAMENTO ACQUE REFLUE E METEORICHE: FOSSE BIOLOGICHE
DEPURATORI, DISOLEATORI
DEGRASSATORI, SISTEMI INTEGRATI
DEPURATORI SPECIALI MBBR

075 528 07 49 - 075 527 98 97
climatec@climatecpg.com

Per consulenza e informazioni tecniche su prodotti e normativa contattare il referente tecnico al 340 3895798.

Impianti di depurazione acque per allevamenti zootecnici

Impianti di depurazione acque per allevamenti zootecnici

La problematica riguardante i reflui degli allevamenti zootecnici si divide essenzialmente in due rami: la depurazione al fine di scarico e il trattamento con finalità di riutilizzo.

Per quanto riguarda lo scarico il problema è assai complesso ed articolato e può essere affrontato con svariate modalità e procedure, che possono essere sia di carattere chimico-fisico che biologico. Nella stragrande maggioranza dei casi infatti un singolo stadio di trattamento non è sufficiente per ottenere un refluo che possa rispettare i vari limiti di emissione da rispettare (anche quelli meno restrittivi) e pertanto va sempre adottato un procedimento combinato. Non è qui il caso di addentrarsi nei particolari in quanto le variabili in campo rendono necessario uno studio mirato da effettuare di caso in caso: a tale scopo il nostro Studio di Progettazione è a disposizione al fine di poter individuare la soluzione più adatta.

Per quanto riguarda invece l’utilizzo agronomico degli effluenti degli allevamenti zootecnici, questo è regolamentato in Italia dal Decreto del 7 aprile 2006 del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e in ambito regionale dalle normative a riguardo emanate ai sensi delle disposizioni del suddetto Decreto. L’art. 10 del Decreto dispone che nelle zone non vulnerabili da nitrati la quantità di azoto totale al campo apportato da effluenti di allevamento non deve superare il valore di 340 kg per ettaro e per anno, inteso come quantitativo medio aziendale. Stante l’art. 26 del Decreto, tale limite si riduce a 170 kg nelle zone vulnerabili da nitrati. Lo stesso Decreto quantifica, in funzione delle categoria animale e della tipologia di stabulazione, l’azoto prodotto da animali di interesse zootecnico in termini di valori specifici al campo (kg/capo) per anno al netto delle perdite per emissioni di ammoniaca nonché la ripartizione dell’azoto fra liquame e letame. I valori tabellati nella normativa o determinati secondo le procedure di calcolo o di misura citate vengono correntemente assunte come dati di base per il calcolo della estensione minima dell’area di terreno agricolo richiesta per lo spandimento del liquame. 

Richiedi un preventivo gratuito
Contatti

TRATTAMENTO ACQUE REFLUE E METEORICHE: FOSSE BIOLOGICHE
DEPURATORI, DISOLEATORI
DEGRASSATORI, SISTEMI INTEGRATI
DEPURATORI SPECIALI MBBR

075 528 07 49 - 075 527 98 97
climatec@climatecpg.com

Per consulenza e informazioni tecniche su prodotti e normativa contattare il referente tecnico al 340 3895798.